traduzioni giurate cosa sono servizi di traduzione professionale

novembre 2018

Traduzioni giurate, tutto quello che c’è da sapere

Che cosa si intende per traduzione giurata? Legalizzazione e apostille sono la stessa cosa? Quali documenti si possono tradurre? Facciamo un po’ di chiarezza, insieme.

Molte persone non sanno cosa sono le traduzioni giurate; lo scoprono solo quando si trovano nella situazione di richiederne una. Altre persone, invece, hanno molta confusione in testa sull’argomento. Allora approfittiamone per rispondere alle principali domande, generali e più specifiche, sulle traduzioni giurate.

Cosa sono le traduzioni giurate?

Partiamo dalla definizione di “traduzione giurata”.

Come puoi già intuire dalla combinazione di parole (“traduzione” e “giurata”), si tratta di una traduzione con valore legale nel nostro Paese. In altre parole è la trasposizione da una lingua all’altra dei contenuti di documenti ufficiali, riconosciuti dalla legge italiana. In gergo questa procedura viene chiamata anche asseverazione.

La traduzione giurata (o asseverazione), ad esempio, può interessare un certificato di nascita che viene tradotto dall’inglese all’italiano. Grazie a questo protocollo, il documento mantiene il suo valore legale anche in Italia.

Bene, speriamo di aver sciolto il tuo primo dubbio.

Vuoi richiedere una traduzione giurata? Scrivici!

firma per legalizzazione

Traduzioni giurate: legalizzazione o apostille

Se vuoi che un documento ufficiale tradotto sia valido anche all’estero, dunque oltre i confini italiani, allora hai bisogno di un servizio aggiuntivo rispetto alla traduzione giurata: la legalizzazione o apostille.

Vediamo subito la distinzione tra i due termini.

  • Legalizzazione. In generale è la procedura che consente di autenticare le firme apposte sui documenti o sul verbale della traduzione giurata. Può essere effettuata tramite apostille oppure, quando non è possibile, fisicamente presso il consolato del Paese straniero in Italia.
  • Apostille. È una certificazione cartacea riconosciuta da tutti gli Stati che aderiscono alla Convenzione dell’Aia del 1961. Viene apposta dall’ufficio della Procura della Repubblica e serve a dare valore legale al documento e a completare la procedura di legalizzazione.

Nella maggior parte dei casi l’apostille è sufficiente per legalizzare una traduzione giurata che debba essere utilizzata al di fuori dell’Italia.
Per tutti gli altri casi ci si deve rivolgere agli enti preposti, dislocati sul territorio nazionale.

Cerchi qualche esempio di documenti che possano diventare materia di traduzioni giurate? Continua a leggere.

traduzioni giurate

I documenti oggetto delle traduzioni giurate

La traduzione giurata, o asseverazione, è necessaria per queste tipologie di documenti:

  • certificato di nascita, matrimonio e morte;
  • passaporto, documenti di identità e riconoscimento;
  • titoli di studio (diploma di stato, laurea, dottorato ecc.);
  • autorizzazioni amministrative (es. patente);
  • documenti che attestano spese mediche;
  • perizie assicurative
  • atti notarili (deleghe, procure ecc.);
  • documenti societari (visure, bilanci, statuti ecc.);
  • documenti giudiziari (atti, sentenze, ricorsi ecc.).

Questa classificazione raggruppa i documenti più diffusi e utilizzati; se hai l’esigenza di tradurre anche altri certificati, ti consigliamo di contattarci compilando il form in fondo a questo articolo. Faremo il possibile per aiutarti.

Vuoi richiedere una traduzione giurata? Scrivici!

Come si fanno le traduzioni giurate?

Forse ti stai chiedendo come funziona, e come si sviluppa, la procedura che culmina nella traduzione giurata, dopo che i testi sono stati tradotti. Te la spieghiamo a grandi linee.

Per cominciare devi sapere che gli enti coinvolti nell’asseverazione sono il Tribunale, il Giudice di Pace o un Notaio, davanti ai quali il traduttore presta giuramento. L’intestatario del documento può anche non essere fisicamente presente.

Il traduttore responsabile della traduzione va in uno degli uffici indicati, dove ha il dovere di giurare che la traduzione è fedele in tutto e per tutto al documento originale. Poi firma il verbale di giuramento che viene inserito nel fascicolo contenente il documento originale e la traduzione.

In questo modo una traduzione giurata viene resa legale in Italia.

Chi può fare le traduzioni giurate?

La risposta è semplice: un traduttore professionista, maggiorenne, che conosca alla perfezione la lingua di partenza e quella di arrivo, oltre naturalmente alla terminologia e al linguaggio del settore specifico.

traduttore professionista traduzioni giurate

Dove fare le traduzioni giurate?

È bene ricordare che una traduzione giurata ha valore legale su tutto il territorio nazionale, indipendentemente dalla città italiana in cui il traduttore si trova e adempie alle pratiche burocratiche.

Ad esempio, se a fornirti questo servizio sono un traduttore o un’agenzia di traduzioni di Verona, accreditati presso il Tribunale di Verona, hai la certezza di poter esibire il documento ufficiale tradotto in tutte le regioni del nostro Paese.

Noi di Studio 23 lavoriamo con una priorità: rassicurare i nostri clienti sulla tematica della riservatezza. Ti garantiamo infatti la protezione assoluta dei dati sensibili a cui abbiamo accesso durante l’incarico di traduzione. Davvero, con noi sei in buone mani.

A tal proposito, sai già tutto quello che possiamo fare per te? Dai un’occhiata ai nostri servizi.

Quanto costano le traduzioni giurate?

Le voci di un preventivo, e dunque il costo totale di una traduzione giurata, variano in base alla complessità del documento di partenza e alla combinazione linguistica richiesta.

Per una proposta economica su misura, contattaci direttamente spiegando nel dettaglio le tue necessità. Ti assisteremo in modo competente e affidabile in ogni fase della procedura.

Vuoi richiedere una traduzione giurata? Scrivici!